21
Mar

Perché scegliere il legno per il proprio arredamento

Il legno è il materiale naturale con il quale da sempre vengono realizzati mobili di varie fogge e dedicati ai più disparati utilizzi; l’evoluzione nella produzione di mobili ha portato i mobilifici ad alti livelli di tecnologia, penalizzando però spesso la qualità del legno, ovvero molti mobili in commercio oggi sono belli, e anche resistenti se vogliamo ma realizzati con materiali di seconda scelta, o impasti ottenuti da scarti che vengono ottenuti miscelando varie sostanze.

Il legno vero, pregiato, lavorato in purezza è il materiale migliore in assoluto se vogliamo arredare la nostra casa con mobili di elevata qualità e fattura, che ci accompagneranno per tutta la vita senza perdere il loro smalto e l’allure innata dei legni profumati e senza tempo.

I mobili in legno se ben tenuti sono praticamente eterni; donano agli ambienti una veste di lussuosa eleganza e sono estremamente adattabili ad ogni gusto ed esigenza di arredo. Ad ogni tipo di legno gli appartiene un diverso stile, per intenderci non tutti i tipi di legno sono idonei per tutti gli utilizzi.

In commercio oggi c’è di tutto ma non sempre un mobile dal forte impatto è anche costruito in buon legno naturale, quindi è utile informarsi in merito alle varie tipologie di “legname” da opera e dei suoi derivati più o meno mixati con materiali “poveri”. Oggi si trovano in commercio mobili che apparentemente sono resistenti e validi ma ben lontani dal regalare le medesime emozioni del legno pregiato.

Un vero intenditore di arredo non si lascia trarre in inganno dalle luccicanti installazioni dei grandi centri di vendita del mobile, dove le produzioni “moderne” strizzano l’occhio a giovani coppie in cerca di convenienza. Meglio ripiegare sui piccoli e medi produttori specializzati a livello locale. Ne sono esempio le più famose falegnamerie in Sardegna, tra cui quella dei Fratelli Pisu per la realizzazione e progettazione di mobili in legno.

Chi ama il legno vero, caldo, morbido punta al faggio, al ciliegio, alla quercia, alla betulla, al noce; tutte tipologie di legno dalle caratteristiche differenti ma con un comune denominatore: il pregio della purezza.